PTP per Area Metropolitana di Verona 2018-01-22T10:57:43+00:00

Project Description

LUOGO: Verona

ENTE AFFIDATARIO: Provincia di Verona

ESTREMI DELL’AFFIDAMENTO: DGP. Numero 11/599 del 08/05/1997

TIPOLOGIA DI STUDIO: Progetti di rilievo strategico per lo sviluppo e l’assetto dell’Area Metropolitana Veronese

ESTREMI DI APPROVAZIONE: La redazione del Piano è stata approvata

DESCRIZIONE SINTETICA DELL’INCARICO

La Provincia di Verona ha messo al centro della attenzione del proprio Piano Territoriale Provinciale il tema della “Grande Verona” nella sua natura metropolitana, facendone per le istituzioni che operano nell’ambito del territorio metropolitano. I temi si presentano sia nella forma dell’approfondimento conoscitivo, richiedendo la strutturazione di momenti permanenti di osservazione e monitoraggio sociale, ambientale, economico (i Temi di interesse Metropolitano), sia nella forma delle decisioni mature ed urgenti, da affrontare con veri e propri studi di fattibilità e/o con progetti integrati di intervento: i Progetti di Cooperazione Metropolitana.
oggetto di uno specifico approfondimento, sviluppato dopo la adozione del Piano per ricercare un profilo di cooperazione qualificata tra le istituzioni locali e le diverse iniziative di pianificazione in corso ai diversi livelli comunale (nuovo P.R.G.), provinciale (P.T.P.) e regionale (P.A.Q.E.).
La Provincia non si è accontetata di promuovere e sviluppare i singoli progetti (di valorizzazione ambientale, di allestimento infrastrutturale e di equipaggiamento insediativo) che sono stati individuati dal Piano Provinciale già in una logica cooperativa e partecipata; così, l’approfondimento del Piano Territoriale Provinciale ha inteso fare i conti con le esigenze di innovazione continua che attraversano il sistema metropolitano veronese proponendo alle istituzioni veronesi un patto per la cooperazione: “Un Patto per Verona” che assume come traguardo quello della formazione di un vero e proprio Masterplan della Città Metropolitana.
L’accordo per la formazione del Masterplan è stato inteso anche come occasione per individuare e praticare da subito in forma partecipata e condivisa alcuni temi di comune interesse.
La proposta avanzata da “Un Patto per Verona” è arrivata a definire i contenuti di un possibile Accordo di Programma; all’interno di questo strumento la gestione del processo di collaborazione tra le istituzioni è stata improntata ad un principio di efficacia premurandosi di dare vita ad una struttura organizzativa “leggera” di natura prettamente contrattuale. La costituzione di una Cabina di Regia esalta le responsabilità istituzionali dei Sindaci e chiama in modo esplicito gli attori sociali veronesi a partecipare all’accordo ed alla sua gestione dando vita ad un Comitato di Promozione e Partnership, per rendersi protagonisti del progetto di assetto e di sviluppo. Per consentire efficacia e tempestività nelle decisioni e nelle proposte assunte tanto della Cabina quanto del Comitato, il Patto propone di dotare il sistema di governo (la governance del sistema) di un Nucleo di valutazione che ha il compito di istruire la progettualità presente (e di sollecitare e promuovere quella necessaria) per avviare la valutazione di fattibilità e di sostenibilità delle azioni che possono avere effetti rilevanti per la comunità locale, riducendo così il potenziale di conflitto che è insito in ogni processo innovativo.
L’attenzione del Patto è rivolta non solo agli aspetti gestionalie decisionali ma anche alle risorse con cui affrontare questa sfida: le risorse “interne”, da gestire con una fiscalità “federale” che si preoccupi d rendere le scelte localizzative “neutrali” nei confronti dei diversi soggetti comunali coinvolti, perequando oneri e benefici che possono derivare da una distribuzione delle funzioni territoriali necessariamente “asimmetrica” e differenziata (in una logica di integrazione metropolitana), e le risorse esterne” da conquistare attraverso una azione di accreditamento istituzionale e di marketing territoriale sempre più efficace sulla scena nazionale ed europea. Nella problematizzazione del contesto “metropolitano” proposta da “Un Patto per Verona”, cinque temi sono emersi con particolare evidenza: quello della partecipazione sociale alle decisioni, quello della mobilità e della logistica, quello del paesaggio metropolitano, quello della competitività del sistema economico e territoriale veronese, quello della sicurezza ambientale.

I paesaggi urbani e periurbani dell’Area Metropolitana

Centralità e potenziale economico dell’area veronese – P.I.L. Tempo 30’ – scenario attuale

Le istanze metropolitane nell’immagine dei comuni della cintura